Parrocchia "Immacolata Concezione" Ventimiglia di Sicilia
Il Santo di oggi è
Link Utili
Pagina Parroco

Nella comunità ventimigliese, da sempre devota alla Madonna ed ai Santi,  è tradizione promuovere tale culto attraverso feste che, pur dominate da uno schema molto simile, variano a seconda del momento religioso o laico (per lo più legato alla vita contadina o ad eventi religiosi avvenuti in zona nei secoli).
In questa sede vogliamo mostrarvi le feste principali e, con esse, quelle più particolari, legate a ritrovamenti di quadri, oggetti sacri e quant'altro possa essere proprio del luogo.

  La Festa della Madonna del Rosario

E' la festa pricipale del paese.
Si svolge, di regola, la prima domenica di ottobre ed è accompagnata da grandi festeggiamenti, almeno tre giorni, che sfociano nella tradizionale "processione" in cui i "portatori" (persone che per voto  o per devozione) portano la statua a spalla per il tradizionale giro del paese, il "giro della processione" con itinerario stabilito, il tutto contornato da spettacoli in piazza di vario genere (musicale, folkloristico, religioso, ecc) e dalle tradizionali bancarelle. Ma non è sempre stato così. Come viene ricordato da G. Leone nel libro "Calamigna", una volta molte delle manifestazioni miravano, oltre che a dare un po' di svago, anche a far guadagnare qualcosa ai più poveri.
E' il caso della "lira nna parieddra" (lett: "lira nella padella"), dove una moneta, veniva incollata al centro di una padella annerita dal fumo e appesa ad una corda doveva essere staccata con i denti da un volontario che, riuscendo nell'impresa avrebbe guadagnato la moneta in questione ma si sarebbe annerito il volto,
oppure dell'albero della cuccagna, "a 'ntinna", rito che ancora oggi viene espletato in occasione di altre feste.

  La Festa Della MADONNA DELLA GRAZIA "A Matri Razia"

E' una delle feste più sentite nel paese, in tutti i suoi risvolti, e, in particolare, quello religioso.
Questa festa, legata indissolubilmente alla storia del quadro della madonna, si svolge tutti gli anni il 15 agosto, diventando così la "festa dei forestieri", visto che in quel periodo sono numerosi gli emigrati (sia ventimigliesi che dei comuni vicini) a prendervi parte approfittando delle ferie di ferragosto.
Ma la festa vera e propria ha una durata di circa 15 giorni, e, di solito, si svolge in questo modo:
  - l'ultima domenica di luglio il quadro viene portato in processione dalla chiesa madre alla chiesetta della madonna delle grazie, fuori dal paese;
  - il 1° agosto, alle 5:00 del mattino inizia un pellegrinaggio dal paese fino al santuario dove i fedeli reciteranno il S. Rosario alla Madonna delle Grazie in dialetto, secondo la formula tradizionale. Alla fine del Rosario si celebra la S.Messa.
Processione del 16 agosto in via GaribaldiCiò avviene anche il pomeriggio alle 6:30, e si ripeterà sempre uguale per 15 giorni, fino al 15 agosto;
- il 15 agosto, dopo il pellegrinaggio del mattino, la festa si svolge in paese, con la fiera del bestiame, la banda che suona per le vie del paese, e le S.Messe delle occasioni al santuario; il pomeriggio si espletano alcune tradizioni come 'a' pigghiata da n'tinna', il sorteggio del quadro e la processione per riportare l'immagine alla Chiesa Madre, alla fine della quale si tiene tradizionalmente il concerto dell'Associazione Musicale Ventimigliese "Amici della Musica" in piazza Mons LoCascio. Da qualche anno si tiene un'altra processione il 16 agosto, in cui il quadro viene portato per le vie del paese secondo il giro tradizionale della processione.

Albero della cuccagna o 'pigghiata da 'ntinna''
 

  La Festa Del SANTISSIMO CROCIFISSO
 
Vara del SS CrocifissoSi festeggia generalmente la terza domenica di maggio e spesso nel pomeriggio della ricorrenza si effettua il corteo equestre e la "furriata di tuorci" (corteo di muli finemente bardati e con bisacce ricolme di leccornie che vengono distribuite alla numerosa popolazione presente alla furriata). La sera solenni Vespri e Processione del Simulacro sul prezioso fercolo a baldacchino. 

 

 

 

 

 

 

 
 
LA SETTIMANA DI PASSIONE

La Settimana Santa è la ricorrenza che, più delle altre, mantiene un fascino severo con tutta una serie di rituali conservatisi altraverso i secoli. Dalla celebrazione il Giovedì Santo (tardo pomeriggio) della Messa in Coena Domini, con la drammatizzazione della lavanda dei piedi alla visita suggestiva agli "Altari" addobbati nelle Chiese del paese e meditazione su alcuni brani della sacra scrittura del Vecchio Testamento come prefigurazione dell'istituzione della Santissima Eucarestia (tarda serata). Il Venerdì Santo all'alba la "chiamata" dei confrati dell'Addolorata, il giro degli Altari addobbati dei confrati e conclusione con l'intonazione del canto "u chianto di Maria" a mezzogiorno Via Crucis figurata e Crocefissione, di pomeriggio celebrazione liturgica della Croce ed a seguire la "scinnuta" la deposizione del Cristo morto con l'adorazione dei fedeli. Di sera infine la Processione del Cristo morto e dell'Addolorata con l'intonazione dello "Stabat Mater".  

 

 

25 marzo Festività dell'Annunziata

Nel pomeriggio Santa Messa nella chiesetta dell'Annunziata e la sera solenne Processione del Simulacro.

 

 

19 Marzo Festività di San Giuseppe

La vigilia "i vampi", tradizionali falò in alcune zone del paese. Santa Messa e la sera Processione con il simulacro del Santo.

Prima Domenica di maggio "U Signiruzzu Asciato" Il Signore Ritrovato

Nel pomeriggio Santa messa presso la chiesetta campestre "du castiddazzu" ed a seguire Processione rievocativa del ritrovamento delle Sacre Particole.

13 Maggio - Festa della Madonna di Fatima

La vigilia a mezzanotte canto alla Madonna per le vie del paese. Sacra Liturgia (pomeriggio) a seguire il  giuoco della "ntinna". La sera Processione del Simulacro per le vie del paese.

 

 

 

 

Festività del Corpus Domini

Ottavario di Processioni del Santissimo Sacramento lungo le vie del Paese impreziositi da altari sfarzosamente allestiti con preziosi ricami e fiori profumati.

8 dicembre Festa  dell' Immacolata Concezione

Nella settimana precedente "novena dell'Immacolata" canto dello stellario e celebrazione Eucaristica. A mezzogiorno l'omaggio floreale all'Immacolata collocata sul prospetto alto della Chiesa Madre e nel tardo pomeriggio solenne Processione del Simulacro

WebMaster Cirrincione Giovanni © 2008-2009 Copyright